UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Viaggio non scontato tra artisti e visionari da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie del '900 – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




sabato 28 agosto 2010

SANDRO E ANTONIO VANGELLI. DUE FRATELLI CHE L'ARTE HA DIVISO.... E QUEL FOLLE DI EMIDIO ANTOCI.

Antonio e Sandro Vangelli a Roma e a Via Margutta furono una istituzione, per 50 anni, come artisti, progenitori di una famiglia di artisti che avrebbe prodotto anche il ramo Antoci, quel genio folle di Emidio Antoci (cugino) pittore abilissimo, che trasformò la sua casa di Trastevere in un antro famosissimo tra i romani, con le finestre invase da bambole appese e una cravatta appesa quando Emidio permetteva di entrare nella sua casa.

I Vangelli erano nati in una famiglia trasteverina, di origine romagnola, e aristocratica, colta, (Emidio Vangelli era stato achitetto e pittore) che contava illustri personaggi come il fisico Evangelista Torricelli e un Vangelli patriota nei moti risorgimentali del 1831.
Sandro, il primogenito (nato nel 1902 morto nel 1981), fu sicuramente penalizzato dal suo antifascismo, non riuscendo a trovare quel riconoscimento pubblico nel tempo che avrebbe sicuramente meritato, come disegnatore arguto del Becco Giallo e come artista.
Antonio, più social del fratello (1918-2003), anche lui artista di grande talento, fu amico di Marcello Piacentini, Giulio Aristide Sartorio, Armando Spadini sperimentando tecniche e modi, partendo dalla pittura della scuola roamana, arrivando poi all’astrattismo degli anni 60' e ’70 e ai collage polimaterici. Nel novembre del 2007 una grande mostra con dipinti e disegni fu organizzata al Complesso del Vittoriano di Roma con il patrocinio del Ministero dei beni e le attività culturali.


Antonio Vangelli, Campo de' Fiori, 1940



Sandro Vangelli, il Sor Capanna, anni '30


 Sandro Vangelli






Antonio Vangelli, figure, 1970

Antonio Vangelli, figure, 1970


Emidio Antoci




Sandro Vangelli, anni '70




 Emidio Antoci, anni '50

Nessun commento:

Posta un commento