UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Un viaggio non scontato tra artisti, visionari e designer da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 e del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




sabato 12 agosto 2017

DALI & PLAYBOY. KITSCH PARADE.

Salvador Dali è un grande talento sempre al limite del kitsch. Così tanto al limite che sono a volte le sue foto di backstage  e i servizi fotografici sulla sua vita veri capolavori d'arte performativa. 
Questo è quello che successe anche nel 1973 quando Playboy chiese a Salvador Dalì di collaborare con il fotografo di nudo Pompeo Posar. Dalì ebbe carta bianca, sin dalla scelta delle modelle (tutte simili ad Amanda Lear) e come sempre il dietro le quinte è migliore del risultato finale. 
Bellissima la dichiarazione finale del Vate: Il significato del mio lavoro sta nella mia motivazione, che è tra le più pure — il denaro. Quello che ho fatto per Playboy è molto buono e la vostra paga è adeguata al compito".



Non era la prima volta che Dalì lavorava per il mercato. Lo ha sempre fatto, per il migliore offerente. 




Nessun commento:

Posta un commento