UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha trasformato gli artisti in prodotti, facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

mercoledì 13 maggio 2015

IL PRIMO OGGETTO CONOSCIUTO DI CONTENUTO ARTISTICO E' UN SASSO.


Lo so, rimarrete di sasso, ma il Ciottolo di Makapansgat, Sud Africa, tre milioni di anni fa è il primo oggetto conosciuto, definito di Contenuto artistico.
Fu trovato nel 1925 accanto ai resti di un Australophithecus. Le analisi geologiche posizionano la pietra originaria di una zona piuttosto lontana, e si è avanzata l'ipotesi (Garner) che l'Australophithecus l'abbia ritrovata durante una marcia, notata e poi accentuata la rassomiglianza con un viso, l'abbia portato con sè fino alla morte. Avrebbe cioè dato a un sasso una valenza estetica e non funzionale.


Sul retro del ciottolo c'è una seconda immagine, che assomiglia al volto di un australopiteco. Questo ciottolo a due facce dagli studiosi è ritenuto casuale, ma è stato usato da un australopiteco, come se fosse una scultura, e quindi si deve ritenere la prima forma conosciuta di PRE-ARTE, cioè l'uso del trovato fatto prima della fabbricazione di sculture antropomorfe o zoomorfe per riti di culto. 

Reperita da W.I. EITZMAN nel 1925. Misure forse circa 7 cm. di altezza. Provenienza: Makapansgat (Valley of the Northern Province, South Africa) Datazione assoluta: 3.000.000 anni (Dart) e 2,5 - 2,9 milioni anni (Bednarik) Reperto studiato da Raymond Dart, Mary Leakey, Robert G. Bednarik





Nessun commento:

Posta un commento