UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha trasformato gli artisti in prodotti, facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

domenica 13 novembre 2016

PIET VAN DER HEM. un quadro.

Un originale e bellissimo quadro, dipinto un ventennio in ritardo rispetto al mainstream della storia dell'arte. Ma bello veramente, perché rispetta il mondo di Lautrec (negli scorci squintati) e di Steinlein, cita divisionismo e impressionismo, inserendo elementi contemporanei come l'inserviente in rosso pieno, che taglia il quadro, che supera addirittura il liberty e che rende il quadro straordinario.

Moulin Rouge - 1908

--> Pieter van der Hem (1885-1961, olandese era figlio del mercante Dirk van der Hem e di Geertje Pieters Smids. A dodici anni, rimane orfano e costretto ad andare a vivere a casa degli zii. E' lì che scopre però il talento per la pittura e il disegno. Studia ad Amesterdam, e nel 1907-1908 vive a Parigi dove realizza questo quadro e altre opere sulla stessa lunghezza d'onda. 
Viene ovviament notato e inizia a collaborare come illustratore per riviste, in Francia, e poi in Olanda.
Mestiere che farà per tutta la vita. Sarà ovviamente un ottimo illustratore, ma l'energia e la novità di questa opera svanirà per sempre.

 



Nessun commento:

Posta un commento