UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Un viaggio non scontato tra artisti, visionari e designer da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 e del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




domenica 13 novembre 2016

PIET VAN DER HEM. un quadro.

Un originale e bellissimo quadro, dipinto un ventennio in ritardo rispetto al mainstream della storia dell'arte. Ma bello veramente, perché rispetta il mondo di Lautrec (negli scorci squintati) e di Steinlein, cita divisionismo e impressionismo, inserendo elementi contemporanei come l'inserviente in rosso pieno, che taglia il quadro, che supera addirittura il liberty e che rende il quadro straordinario.

Moulin Rouge - 1908

--> Pieter van der Hem (1885-1961, olandese era figlio del mercante Dirk van der Hem e di Geertje Pieters Smids. A dodici anni, rimane orfano e costretto ad andare a vivere a casa degli zii. E' lì che scopre però il talento per la pittura e il disegno. Studia ad Amesterdam, e nel 1907-1908 vive a Parigi dove realizza questo quadro e altre opere sulla stessa lunghezza d'onda. 
Viene ovviament notato e inizia a collaborare come illustratore per riviste, in Francia, e poi in Olanda.
Mestiere che farà per tutta la vita. Sarà ovviamente un ottimo illustratore, ma l'energia e la novità di questa opera svanirà per sempre.

 



Nessun commento:

Posta un commento