UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha trasformato gli artisti in prodotti, facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

martedì 21 dicembre 2010

DANIELE FONTANA, LA PENNA SATIRICA CHE MISE LA CORONA ALL'ITALIA.



Daniele Fontana (Milano, 1900 – sala comacina 1984) è stato un disegnatore, illustratore e pittore italiano. Strana commistione, non rara all’epoca, tra il fatto di essere un “artista serio”, ma anche una delle penne più irriverenti del panorama satirico italiano, nonché uno dei pionieri del cinema di animazione.
Ma non solo. Anche il padre, misconosciuto, della raffigurazione di "donna turrita" dell’Italia, per anni simbolo ufficiale del governo e dello stato italiano.


Nato a Milano ha lavorato spesso a Roma, dividendosi tra l’attività di disegnatore satirico e illustratore e quella di pittore figurativo e di genere. In queste vesti ha partecipato all’Esposizione Nazionale di Milano (1923, 1925), all’Esposizione Sindacale (1928, 1932), diventando ospite fisso alla rassegna de La Permanente.
Grande caricaturista ha collaborato a Il Travaso delle idee e con il Bertoldo, realizzando tra il 1930 e il 1935 insieme a Petronio e Braghi i primi cortometraggi a cartoni animato pubblicitari (!) come Cuor Contento.
Colpito da paresi, trascorre un lungo periodo di sofferenza. . Pochi mesi dopo, quasi tutta la sua produzione, nella ristrutturazione dei locai, viene gettata via. Destino comune a molti, e che ha portato a perdere la maggior parte della produzione satirica e pubblicitaria italiana di quegli anni.

5 commenti:

  1. Incredibile, ma Daniele Fontana è uno dei post più visti del blog. Merito dell'Italia turrita?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il maestro daniele fontana è morto a sala Comacina nel 1984. Io ho conosciuto daniele quando aveva lo studio a lenno e siamo diventati amici.purtroppo non sono riuscito a organizzare una personale presso galleria civica in Monza che avrebbe dato spazio gratis.io so quanto ci tenesse a farlo,purtroppo quando ho comunicato era ricoverato e mi ha detto che non era più in grado.aveva ricevuto sfratto e ha deciso di non volere più ... Era persona dolce e simpatica davvero piacevole. Ora riposa a Menaggio dove io ho provveduto a deporlo in celletta poiché non aveva più nessuno il figlio che viveva a milano era irreperibile forse mancato .penso che il fatto che su internet sono stato io a provocare la ricerca poiché ho iniziato a cercare sue opere e ho notato che gradualmente iniziavano ad apparire con mio piacere. Non sono riuscito a vederlo felice da vivo almeno questo forse da lassù lo apprezza ciao Daniele..Marziano


      Elimina
  2. Ma non è morto nel 1984 a Sala Comacina?

    RispondiElimina
  3. Il maestro daniele fontana è morto a sala Comacina nel 1984 ora riposa a Menaggio dove ho provveduto a sistemarlo. Eravamo diventati amici quando aveva studio a lenno.persona dolce e simpatica.ho iniziato a cercare sue opere e piano gradualmente comparivano spero che sia servito a aumentare la sua conoscenza a più persone.ciao Daniele. Tuo amico marziano.

    RispondiElimina
  4. Ho molti quadri di Daniele Fontana e vorrei venderli

    RispondiElimina