UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Un viaggio non scontato tra artisti, visionari e designer da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 e del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




sabato 8 gennaio 2011

PIET MONDRIAN E IL SEGRETO DELLA SCATOLA DI LATTA

MONDRIAN TIN BOX
Cosa voglio esprimere con la mia opera? Niente di diverso da quello che ogni artista cerca: raggiungere l'armonia tramite l'equilibrio dei rapporti fra linee, colori e superfici. 
Solo in modo più nitido e più forte. 
(Pietr Mondrian)



Come Fortunato Depero, come Dalì, come Andy Warhol, come Michelangelo Pistoletto, Julian Schnabel, Robert Rauschenberg, come Jeff Koons. Come loro, anche Piet Mondrian (vero nome Pietr Cornelis Mondriaan - Amersfoort, 7 marzo 1872 – New York, 1 febbraio 1944) ha ceduto, almeno una volta alla pubblicità. E lo ha fatto, incredibile a dirsi, per un'azienda milanese, tra gli anni '20 e gli anni '30. Una scatola con un paesaggio stilizzato, numero di serie 41342. Siglata in basso. MD. Un piccolo segreto svelato da un collezionista che ne conserva uno dei pochissimi esemplari ancora esistenti (pare solo 5) acquistata negli anni '80 dal figlio del lattoniere che aveva ricevuto il clichet dall'artista... Un intervento di design e progettazione che a ben vedere rientra nello spirito dell'artista olandese, che aveva trovato nell'architetto Gerrit Rietveld la capacità di trasformare il neoplasticismo in cose (mobili e architetture).

Un segreto sino ad ora riservato ai collezionisti, che ci piace condividere con gli amici de "Il Museo Immaginario", per ribadire che l'arte e la vita di tutti i giorni dovrebbero avere maggiori  contaminazioni, e che un grande maestro del '900 può essere anche complice di una scatola di biscotti o di cioccolatini. 
Senza perdere lui minimamente in grandezza. E i biscotti in fragranza.
Le mitiche bottiglie di Dalì per Amarena Fabbri
La collezione Illy

L'ennesima auto personalizzata, questa volta da Jeff Koons

4 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Hi, I'm a tin box collector from Germany. I've seen the box during an exhibition in Paris, 3 years old. Do you konw if is on sell? and how much it cost?
    Florian H.

    RispondiElimina
  4. Hi Florian, are you still interested to this tin box?

    RispondiElimina