Un progetto di Alfredo Accatino

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha finito per trasformare gli artisti in prodotti, che devono essere facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, Brauner, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

giovedì 27 ottobre 2016

RIFLESSI SUL LAGO DORATO. L'acqua come specchio.



Mia mamma diceva sempre: “Figlio mio, prima di agire dovresti riflettere un po’ di più….” Capite, quindi, perché mi piacciono così tanto gli spettacoli sull’acqua e i loro riflessi?
Ora, immaginate di avere davanti il più grande palcoscenico galleggiante su lago al mondo e, alle vostre spalle, un anfiteatro da 7000 persone. Ecco, siete fortunati. Potrete assistere a uno delle fantasmagoriche rappresentazioni del Festival di Bregenz, appuntamento imperdibile per gli appassionati d'opera, celebre in tutto il mondo per le spettacolari scenografie costruite sul lago di Costanza, definito il lago delle tre nazioni: Austria, Germania e Svizzera. Meraviglie architettoniche e meccaniche fuori misura trasformano lo scenario naturale nel più grande teatro all'aperto del mondo, dove ogni anno registi, scenografi e artisti di grido si misurano con la massima dimensione dell'opera lirica.

 

 
 

 



Il festival fu fondato nel 1946. Dal dicembre 2003, David Pountney è stato il direttore artistico del festival, ma ha anche ospitato nel 2008, le scene per il 22° film di James Bond Quantum of Solace sono state girate sul Seebühne durante una rappresentazione di Tosca.


Anche io nel mio piccolo ho scritto e ideato due show sull’acqua, che ora mi piace ricordare.
Il lancio della Fiat 500 su Po, con Marco Balich nel 2006, che tanto fece parlare al suo tempo. E Rassviet, uno show private in Ucraina messo inscena con Luc Petit.
Mamma, avevi ragione tu. E sempre meglio riflettere.


Rassviet, Ucraina
Rassviet, Ucraina
Rassviet, Ucraina
Lancio Fiat 500 sul Po, Torino

Lancio Fiat 500 sul Po, Torino

Nessun commento:

Posta un commento