UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha trasformato gli artisti in prodotti, facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

mercoledì 26 ottobre 2016

CARRA', IL SIGNORE CON IL PANCIOTTO E IL RAGAZZO CHE VOLEVA FARE IL PITTORE



Enrico Accatino (1920-2007), nel corso di un incontro con giovani artisti nel suo studio, nel 2001, raccontò per la prima volta, almeno così disse, come fosse nata la sua passione per l’arte. Non una passione come tante, di quelle che si possono avere nell’adolescenza, ma una “necessità” dalla quale non avrebbe potuto sottrarsi.
Era figlio di contadini piemontesi, che poi avrebbero fatto una certa fortuna nel commercio a Genova, del tutto privi di riferimenti culturali e di letture. E in quell’ambiente così semplice, senza libri e supporti scolastici, tra vignaioli e capomastri, aveva iniziato a ritrarre i musi delle bestie nella stalla e le colline avvolte dalla nebbia, con mezzi di fortuna e nessun riferimento formale se non i santini della chiesa.
Così a 14 anni, quando seppe che ad Alessandria era arrivato il famoso pittore Carlo Carrà, inforcò la bicicletta per cercare di conoscerlo, pedalando come un forsennato sotto la pioggia per scendere verso dalla collina verso la piana. La strada era sterrata e ogni buca si trasformava in uno schizzo di fango.
Carrà, che stava al bar sulla piazza, vedendolo zuppo e inzaccherato, e ascoltando i suoi ragionamenti strampalati, lo prese un po’ in giro. E per toglierselo di torno, gli diede anche qualche spiccio.
Da quel momento Accatino, come ci raccontò, fu ancora più convinto di fare il pittore. E di vivere di arte. Ma anche di non voler essere come Carrà, il signore col panciotto, e come molti dei pittori che avrebbe conosciuto negli anni a venire.

Enrico Accatino, scalzo nell'aia, San Salvatore Monferrato, 1931

con Silvio Loffredo (alla destra), a Parigi, nel 1947
Carlo Carla negli anni '30

Nessun commento:

Posta un commento