Un progetto di Alfredo Accatino

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha finito per trasformare gli artisti in prodotti, che devono essere facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, Brauner, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

mercoledì 1 marzo 2017

LA PRIMA FOTO DI MODA DELLA STORIA E LE PRIME....

Quelle che vedete, scattate nell'Aprile del 1911 da Edward J. Steichen, sono alcune delle foto del primo servizio di moda appositamente pensato per questo scopo. Sono state scattate in un hotel e nel palazzo dove aveva sede la redazione...



Sebbene riviste di moda come Harper Bazaar avessero iniziato la pubblicazione nel 1860, è infatti solo nel 1911 che Lucien Vogel, un intraprendente editore di riviste francese, decide di caratterizzare la fotografia di moda come contenuto editoriale, sostituendo i disegni dei modelli, in uso in Francia e Inghilterra sin dal 1840. Inserendo donne vere in ambienti veri.
Arruola quindi il fotografo americano Edward J. Steichen e gli chiede di fotografare gli abiti del couturier Paul Poiret per la pubblicazione in Art et Decoration. Steichen diventerà uno dei grandi fotografi del '900. 

Secondo altri il primo esempio sarebbe avvenuto in pieno '800 a opera di Lady Clementina Hawarden, pioniera della fotografia intorno al 1862/3 con una serie di scatti ripresi tra interni ed esterni.

 

Il sistema moda come evento live ha infatti una storia abbastanza recente, che inizia nel 1903, superando le presentazioni "private" dell'800 con il primi fashion show della storia, creato da Ehric Brother's a New York.
Questa una breve storia visiva: 

1915 - fotografo non identificato, servizio di moda Harper's Bazar


1903. Ehric Brother's - New York.


1910. Parigi, sfilata privata da Pasquin

 
1943 - New York Fashion Week



1947 - Parigi, Maison Dior prima sfilata di moderna, nasce il termine CATWALK - passerella. 


 

1948 - Milano Fiera Campionaria sfilata di modae stand di filati


1952 Firenze, Pitti Moda, Brioni propone la prima sfilata maschile

 




1960 la sfilata durante la cena. Felisol, Saint Vincent

 

1971 Milano. Nel 1958 era iniziata la Fashion Week anche con sfilate dedicate al mercato



1980 Armani - Jerry Hall, Armani collezione primavera runaway show

 

1985 Défilé Chanel Haute Couture, mannequin Inès de la Fressange, Paris, 

 


 1990 Moschino a Milano, nascono le sfilate performance


1992 Madonna and Jean Paul Gaultier at amFAR. JPG disegnò poi tutti i sui bustini


VOGUE. La prima copertina del 1892 

jean patchett vogue cover erwin blumensfeld january 1950

 










 

Nessun commento:

Posta un commento