UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Un viaggio non scontato tra artisti, visionari e designer da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 e del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




martedì 21 marzo 2017

GLI SPETTRI CHE TI TOCCANO L'ANIMA


"Le ambigue e suggestive creature sovrannaturali, protagoniste di numerosi miti e leggende, hanno da sempre avuto un ruolo fondamentale nell’immaginario da cui hanno attinto gli artisti giapponesi nel corso dei secoli e sono tantissime le credenze legate alle apparizioni di questi esseri. Il termine “Hyakki Yagyō”, che letteralmente significa “marcia dei cento spettri”, indica proprio la credenza giapponese secondo la quale, in estate, spettri e creature demoniache fanno la loro comparsa al calare delle tenebre vagando per le strade e bevendo sake.." Questi gli spettri, i demoni e i mostri che ci lascia l'arte xilografica giapponese 1700/1900. Così straordinari da lasciarti senza fiato. C'è spazio per tutti (Yokai e Yurei 幽霊), per i nostri sensi di colpa e le nostre paure.
Okusai, Hiorshighe, Kunyoshi, Yoshitosh. Stampateveli bene in mente. 


 

Nessun commento:

Posta un commento