UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Un viaggio non scontato tra artisti, visionari e designer da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 e del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




venerdì 3 marzo 2017

ARMAND HENRION. IL SOLITO PAGLIACCIO.

Di Armand Henrion si sa molto poco. Si sa che è nato a Liege, Belgio, nel 1875 ed è morto a Parigi nel 1958.
Si ignora se abbia studiato arte, non si sa poi, perché dalla fine degli anni '20, fa l'illustratore e il ritrattista, e inizia a rappresentarsi esclusivamente, in autoritratto, come un clown bianco in ogni tipo di espressione o smorfia. 200 autoritratti. Una produzione che, probabilmente fa incontrare la psicosi con una richiesta del mercato, e che lo porta a produrre incisioni e pubblicità










Nessun commento:

Posta un commento