UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Viaggio non scontato tra artisti e visionari da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie del '900 – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




giovedì 22 febbraio 2018

LE MODELLE DEI PITTORI. IL CORPO DELLA MUSA, CARNE, SANGUE, ANIMA.


 Una musa è tutto meno che una semplice modella: è la parte femminile dell’artista maschio, con la quale egli deve avere rapporti, se desidera concepire un nuovo lavoro. E’ l’anima del suo animus, lo yin del suo yang, tranne che per il fatto che è lei, la musa, a penetrare il suo artista, in una completa inversione dei ruoli di genere, 
ed è lui, l’artista, a portare avanti la gestazione, a partorire il suo lavoro, dall’utero della mente”.

Germaine Greer, scrittrice e giornalista australiana

Mai nessuno le chiama Muse ispiratrici, anche se le Muse, in fondo erano solo dee minori, robbetta da boscaglia. Le modelle per artisti furono soprattutto corpi e volti, mani e seni, dal Rinascimento sino alla Seconda Guerra Mondiale. Al servizio di artisti (pochi i celebri, molti i mediocri) tanti gli allupati, che ne carpirono l’immagine, ne violarono il corpo, il volto, molto raramente l’anima. Anche se spesso nell'intimita e quotidianità si creava un legame complesso, nel quale la donna finiva sempre per essere sottomessa, se non salvata dalla propria cazzimma e professionalità.
A volte si proponevano esse stesse, curiose, vanitose e appagate. Ma più spesso lo facevano per necessità, pagate cifre che oggi imbarazzerebbero. Le famose modelle di Anticoli Corrado, che mantennero tutto il paese con la loro bellezza durante il Grand Tour (in Paese erano censiti nell'ottocento 55 studi) chiedevano l’equivalente di 5 euro per una seduta di 3/4 ore, vivendo poi tutte insieme, in miseri alloggi durante la stagione, quando scendevano a Roma. E non era facile sedurle, fiere e selvagge.
Caravaggio, prendeva solo prostitute, come Annuccia Bianchini. Raffaello si invaghì di Margherita Luti, la figlia del fornaio, detta la “Fornarina”. 
Molto più raffinate Fritza Liedler e Adele Bloch Bauer furono invece le modelle storiche del pittore Gustav Klimt, sue amanti turniste. Jeanne Hebuterne, modella e pittrice, invece la moglie di Modigliani, che lasciò per lui una carriera promettente, e poi la vita.

Man Ray and his model Kiki for the iconic Le Violon d'Ingres. While Ray conceptualized the image in 1924, it was created later. This behind-the-scenes photograph was taken by Mark Arbeit, 1930's. 
Jeanne Hebuterne
Alcune di loro furono stelle, contese tra gli artisti come il modello di un auto o di una moto, altre ne divennero amanti, regalarono loro figli, qualche volta ne diventarono mogli, come le reginette dei pre-raffaelliti Elizabeth Siddal (la Ofelia di Millai), Maria Zambaco, Jane Burden, Fanny Cornforth domestica, amante e modella del pittore preraffaellita Dante Gabriel Rossetti.
Marie-Clémentine Valadon, acrobata di circo, conquistò con la sua bellezza diversi maestridi cui divenne modella Edgar Degas, Henri de Toulouse-Lautrec, Pierre-Auguste Renoir e Pierre Puvis de Chavannes, diventando anche l'amante di alcuni di loro, ma imparandone i segreti, sino a diventare essa stessa una grande pittrice. Lautrec la rinominò allora affettuosamente Suzanne, facendo riferimento alla Susanna biblica (Susanna e i Vecchioni), che divenne da allora il suo nome.
Nel 1883, a 18 anni, divenne madre da un pittore quello che diventerà un altro pittore, Maurice Utrillo.

Pierre-Auguste Renoir - Suzanne Valadon - 1885.
Rossetti’s Obsession: Images of Jane Morris

Alma Maria Shindler, pittrice e compositrice austriaca, fu la moglie del compositore e direttore d’orchestra Gustav Mahler (il marito le proibì di continuare a cimentarsi con la composizione, nonostante alcune delle partiture di Gustav fossero state scritte dalla stessa Alma); fu poi la moglie di Walter Gropius, fondatore della Bahaus, di Franz Verfel e amante di Oscar Kokoschka, noto pittore e drammaturgo austriaco. Durante la turbolenta storia d’amore con Alma, Kokoschka creò proprio in quel periodo alcune fra le sue opere più importanti, tra cui “La sposa del vento”. Quando la relazione finì, il depresso e possessivo Kokoschka, per alimentare il suo inconsolabile ricordo, convisse per lungo tempo con una curiosa bambola dalle fattezze di Alma.
Alice Prin, soprannominata anche Kiki de Montparnasse o la Reine de Montparnasse è stata una modella francese, una delle figure centrali della effervescente Parigi degli anni ’20. Molto nota è la relazione amorosa che durò sei anni con Man Ray, di cui divenne la musa ispiratrice e che la dipinse e ritrasse in alcune celebri e ‘scandalose’ (per l’epoca) foto, come ad esempio “Violon d’Ingres”, che fece scandalo, nel quale Man Ray sovrappose il fotogramma del suo corpo nudo ai segni ad effe del violoncello. Il corpo della donna diventa allora uno strumento da suonare, un concetto molto lontano dalle idealizzazioni classiche. La relazione durò sei anni.
Picasso le stritolava, trasformandole in icone del ‘900, come nel caso di Dora Maar, altre fecero impazzire i loro uomini-pittori, come Dolly Henry, che per gelosia portò il pittore John Currie al delitto-suicidio.
Quella che qualcuno ha definito la uber-muse del ventesimo secolo è stata sicuramente Elena Ivanovna Diakonova, conosciuta come Gala, che prima ispirò il poeta Paul Eluard e poi Salvador Dalí, con il quale visse dal 1929 fino alla sua morte, nel 1982. La dipendenza di Dalì dalla sua musa fu assoluta: con la perdita di lei, la sua creatività eccezionale si dissolse nel nulla, anche se gli fu accanto Amanda Lear.

Aggiungi didascalia

Ne volete conoscere altre?
Tehura (o Teura), la giovane amante di Gauguin che comprò a 13 anni dalla famiglia quando lui era già vecchio.
Nieves Orozco, modella e amante di Diego Rivera, i cui seni potevano diventare la più potente delle droghe.
Pasquarosa, modella a Roma negli anni ’10 del pittore della scuola romana Nino Bertoletti. Lei era una giovane contadina molto bella, senza nessuna cultura. Si vollero bene e si sposarono. Lei era intelligente e sensibile, lui l'introdusse alla pittura e diventò un artista sensibilissima.
Nino per tutta la vita continuò a ritrarla,cogliendone l'essenza e l'accresciuta bellezza che l'esperienza e i dolori della vita le donavano, visibili in un corpo un po'appesantito.

Henri Matisse et son modèle Micaela Avogadro, Nice, Février 1944
Maria Hoornik

Nel gennaio 1882 entra nella vita di Vincent Van Gogh, Maria Hoornik, detta Sien, una prostituta più vecchia di lui, alcolizzata, incinta e già madre di una bambina. Secondo il suo stile, Vincent, incurante delle convenienze sociali e pronto a soccorrere il suo prossimo, la accoglie in casa sua insieme alla figlia facendone la sua compagna e la sua modella, come in uno dei suoi disegni più famosi, Sorrow ("dolore"), dove il corpo ormai sfiorito della dolente figura è proprio quello di Sien : “…Ha il viso lievemente butterato dal vaiolo, quindi non è più bella, ma le linee del suo corpo sono semplici e non prive di grazia, 'Quel che mi piace di lei è che non fa la civetta con me, ma procede quietamente, è economa, completamente desiderosa di adeguarsi alle circostanze, di imparare, cosicché sarà in grado di aiutarmi nel mio lavoro in mille modi. [...] Però parla molto scorrettamente [...] Ma di ciò non mi curo minimamente.” Lettera a Theo maggio 1882.Nel 1904 Clasina Maria Hoornik si suicidò gettandosi nel fiume Scheld

Queste sono le Muse.

 Nieves Orozco, la modella preferita da Diego Rivera e sua amante


Andre Derain - La Femme et le Pantin, 930.
 
Freud

The Artist and His Model 4, 1964
Morbelli
La Fornarina

Pasquarosa, da contanina a modella a pittrice
Tehura
Model admires Lucian Freud's “Painter Suprised"

 
Portrait of American model and painter Jane Wilson as she lies on a day bed
Sculptor Karl Skoog works from artist's models in his studio 192
Lautrec
Andre Derain




Ritratto senza vestiti per il 68enne Iggy Pop.
Immagine correlata
Leon Kroll 1947
Vargas e le sue pinup

Nessun commento:

Posta un commento