UN PROGETTO DI ALFREDO ACCATINO

Un viaggio non scontato tra artisti, visionari e designer da tutto il mondo, molto lontano dai soliti 50 nomi. Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 e del contemporaneo senza l’apporto di pittori, scultori, fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Immagini e storie – spesso straordinarie - che rischiavamo di perdere o dimenticare.


Seguiteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER
https://www.facebook.com/museoimmaginario.museoimmaginario

https://www.facebook.com/Il-Museo-Immaginario-di-Allfredo-Accatino-487467594604391/




mercoledì 12 luglio 2017

IL PIU' BELLO DEI SUICIDI?

Il 1 maggio del 1947 la 23enne Evelyn McHale (September 20, 1923 – May 1, 1947) si gettò dall'86° piano dell'Empire State Building centrando una limousine parcheggiata. 
Lo studente e fotografo Robert Wiles udì lo schianto e scattò questa foto che colpì tutti. Lo scatto venne chiamato gionalisticamente "il più bello dei sucidi" per il contrasto tra la serenità del volto della ragazza e della posa con la violenza dell'effetto della caduta. Con quei guanti bianchi da Appuntamento al Tiffany e le calze avvolte come in una quadro di Mantegna. E' divenuto un meme, replicato nel tempo, spesso anche con finalità comerciali.
Anni dopo, l'artista pop Andy Warhol comprò lo scatto per farne un multiplo. finito.



Evelyn McHale, 2015. Sound and Sculpture installation. 










 

incidente stradale a Città del Messico 1979 della famosa giornalista Messicana Adela Legarreta Rivas che stava attraversando la strada
sembra una foto di Vogue

Mafia Boss Joe Masseria Lays Dead On A Brooklyn Restaurant 
Floor Holding The Ace Of Spades, 1931


The Remains Of The Astronaut Vladimir Komarov, A Man Who Fell From Space, 1967


Nessun commento:

Posta un commento