Un progetto di Alfredo Accatino

Attenzione! Queste pagine non contengono opere di Modigliani, Picasso o di uno degli altri 50 straordinari autori, sempre e solo loro, che danno il titolo a mostre-evento. L’arte è qualcosa di più complesso della semplice divulgazione di massa che, nel tempo, ha finito per trasformare gli artisti in prodotti, che devono essere facili da comprendere e da consumare.
Non esisterebbero le avanguardie storiche senza maestri sconosciuti alla massa (ma certo non a musei e collezionisti). E non si sarebbe formata una cultura del ‘900 senza l’apporto di fotografi, designer, scenografi, illustratori, progettisti, costumisti, visualizer, che in queste pagine vogliamo riproporre. Perché, se non avessero operato maestri come Malevic, Exter, Scheiber, Itten, De La Fresnaye, Jawlesky, Rietveld, Schad, Dexel, Brauner, o personaggi trasversali e imprevedibili come Galantara, Codognato, Seltenhammer, Vertes, Copi, Topor (chissà quanti di voi li conoscono?), o autori italiani come Chiattone, Wildt, Cagnaccio di San Pietro, Thayaht, Donghi, Melli, Crippa, Gnoli, Pascali, non sarebbe proprio esistita l’arte contemporanea. E forse, non saremmo esistiti neanche noi.

P.S. Segueteci anche ogni mese su ARTeDOSSIER

domenica 22 maggio 2016

LA TORRE DEI PICCOLI FASCISTI

Vedete questa torre? Venne costruita in soli 100 giorni, nel 1936 ispirandosi nella forma e nelle soluzioni costruttive all'industria aeronautica. Poteva ospitare con stanze singole, facilmente controllabili dagli operatori, 800 bambini.

Le colonie marine era una delle punte di diamante della politica sociale fascista. Ma avevano anche alcune opportunità in più: grandi spazi liberi e un'architettura di eccellenza, che sperimentava. Due cose che oggi non abbiamo più. Bè, in effetti, per fortuna, non abbiamo neanche il fascismo...


La Colonia marina Edoardo Agnelli (ex Torre Balilla, comunemente detta anche Torre Marina o Torre FIAT) è un grattacielo di Marina di Massa, situato tra via Fortino di San Francesco 1 e via delle Pinete. Collocato nella pineta apuana, il complesso della colonia era destinato al soggiorno estivo dei figli dei dipendenti FIAT, utilizzo che ha mantenuto negli anni.



La Torre Balilla, principale fabbricato del complesso della colonia marina "Edoardo Agnelli", fu costruita su progetto dell'ingegner Vittorio Bonadè Bottino nel 1933 per volontà del senatore Agnelli. La Torre è concepita come "un'unica, interminabile camerata" con sviluppo elicoidale, larga 8 e lunga 420 metri.  La lunga rampa elicoidale, in origine priva di tramezzature, si svolge intorno ad un pozzo centrale con copertura ad ombrello, originariamente con soletta in vetro-cemento per aumentare la luminosità dell'interno, ed appare oggi divisa in camerate a sei letti intervallate dai servizi igienici e da camere singole per le sorveglianti.


1 commento:

  1. Ricordo che restò abbandonata per diverso tempo. Gli amministratori pubblici odierni dovrebbero prendere ad esempio certe opere e imparare a costruire in tempo brevissimo come veniva fatto in quell'epoca...

    RispondiElimina